Home / News  / NOTE SU UN TETTO CHE SCOTTA – SPECIAL EDITION 2020

NOTE SU UN TETTO CHE SCOTTA – SPECIAL EDITION 2020

18 maggio 2020 - ore 18.00

La pandemia non ha fermato i momenti belli, li ha solo resi possibile in altri modi. È successo anche con la quinta edizione di “Note su un tetto che scotta” che quest’anno, per la prima volta, non si svolgerà sulla storica terrazza dell’Istituto Nazionale dei Tumori come sempre, con una serie di appuntamenti. Sarà invece, un unico maxi concerto trasmesso in streaming il 18 maggio a partire dalle ore 18. “Note su un tetto che scotta” nasce nel 2016 da un’idea di un medico dell’Istituto, Davide Scaramuzza e del giornalista Paolo Colonnello che per primi hanno pensato a un concerto come a un mezzo per rendere più leggera la degenza ospedaliera, alleviarne l’impatto sulla psiche del malato e aumentare l’empatia tra personale medico e pazienti. Il progetto è stato, quindi, realizzato in collaborazione con Paolo Polli, responsabile della comunicazione di INT e Stefano Signoroni, ricercatore genetista in Istituto e musicista affermato, che ha preso anche parte alla rassegna in veste di artista.

 

 

Ringraziamenti speciali

Abbiamo fortemente voluto questa edizione perché è un modo per mantenere aperta una finestra su una quotidianità che oggi è alterata dall’emergenza sanitaria tuttora in corso nel nostro Paese” – sottolinea Marco Votta, Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. “Un’edizione che ha richiesto grande impegno, collaborazione e partecipazione di molte persone a cui va il nostro ringraziamento, a partire dalla conduttrice Melissa Greta Marchetto a tutti gli artisti che hanno messo a disposizione la loro arte e il loro tempo, e al nostro partner Officine Buone, per la realizzazione della serata. Un particolare ‘grazie’ voglio riservarlo ancora una volta al personale sanitario INT per il lavoro svolto in Istituto durante la pandemia al fine di garantire ai pazienti oncologici le terapie necessarie”.

 

 

Una modalità diversa, che non modifica il valore terapeutico della musica

“Il nostro Istituto crede da sempre che l’arte in tutte le sue espressioni, e quindi che anche la musica sia uno strumento importante perché in grado di stimolare risorse ed energie che sono fondamentali nel percorso terapeutico” – interviene Stefano Manfredi, Direttore Generale INT. “L’edizione di quest’anno ha un valore ancora più importante, perché rappresenta il nostro modo per comunicare il nostro impegno affinché riprendano anche queste attività, preziose per il benessere dei malati e dei familiari”.

 

 

Energie importanti

Il concerto è stato possibile anche grazie alla partnership con Officine Buone, l’organizzazione no profit da sempre vicina a INT e che all’interno dell’Istituto ha girato la serie web di grande successo ‘Involontaria’. “La prima attività di Officine Buone è stata proprio portare la musica all’interno dei reparti dell’Istituto Nazionale dei Tumori, con un fortunato talent che poi è arrivato in oltre 50 ospedali di 12 città italiane e a Londra” – dichiara Ugo Vivone, fondatore e presidente di Officine Buone. “Partecipare così a ‘Note su un tetto che scotta’ è stata per noi la naturale prosecuzione di un rapporto nato più di 10 anni fa per contribuire all’umanizzazione delle cure in ospedale, di cui l’Istituto è da sempre pioniere”.

 

Il maxi concerto in pratica

La conduzione di “Note sul tetto che scotta” è di Melissa Greta Marchetto. Il concerto sarà visibile in streaming collegandosi al link http://www.facebook.com/istitutotumori a partire dalle ore 18.00.

Questa la scaletta del concerto:

  • Selton
  • Nòe
  • Stefano Signoroni & “The MC band”
  • Paolo Jannacci
  • Chiara Galiazzo
  • Riky Anelli & The Good Samaritans
  • Andrea Vigentini
  • Paolo Colonnello & “Sonica Jazz Machine”
  • Paola Iezzi
  • Eugenio Finardi

 

L’iniziativa ha anche quest’anno il supporto di CONAD, che sostiene la rassegna musicale fin dalla sua prima

edizione.

 

 

 

 

 

NOTE SU UN TETTO CHE SCOTTA – SPECIAL EDITION 2020

info@internosblog.it