Manhattan Escorts NYC Escorts
Home / Prevenzione e stili di vita  / Rimettersi in forma: la camminata

Rimettersi in forma: la camminata

Muoversi e stare all’aperto dopo mesi di clausura è una vera e propria necessità e può essere di aiuto anche per liberarci di quei 2 o 3 chili che abbiamo in eccesso. La camminata è un’attività fisica semplice, praticabile da tutti: non serve un’attrezzatura particolare ed è a basso rischio; aiuta a perdere peso e a tonificare i muscoli e i benefici non sono solo fisici, ma anche l’umore ne risente positivamente. Ne abbiamo parlato con la Dottoressa Annarita De Vivo, Fisiatra della S.C. Terapia del Dolore, Cure Palliative e Riabilitazione dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

 

 

Camminare è facile, è uno dei gesti più naturali che il nostro corpo compie fin dalla tenera età. E i benefici sono tanti. Camminare di buon passo riduce il rischio di malattie cardiovascolari, di diabete di tipo 2 e di malattie metaboliche in generale. Infatti, camminare favorisce la diminuzione della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, dei livelli di colesterolo nel sangue e aiuta a migliorare il controllo della glicemia.

Un’attività fisica regolare di intensità moderata – ad esempio camminare, andare in bicicletta o nuotare – apporta benefici significativi alla salute, a qualsiasi età. I livelli di attività consigliati si possono raggiungere abbastanza facilmente in modi relativamente semplici. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda: per bambini e adolescenti, 60 minuti al giorno di attività di intensità da moderata a vigorosa e per gli adulti (dai 18 anni) 150 minuti a settimana di attività di intensità moderata.

La camminata, come esercizio fisico, ha il vantaggio che si svolge quasi sempre all’aperto, non sono necessari particolari protocolli o schemi da seguire e rientra tra le pratiche sportive a basso rischio. È una attività aerobica come la corsa, ma lo sforzo è molto meno intenso e questo permette di praticarla per un tempo più lungo. Come tutte le attività, per ottenere migliori benefici è necessario iniziare gradualmente, 15 minuti consecutivi di buon passo sono sufficienti per arrivare nell’arco di qualche giorno a 30 minuti.  Per quanto riguarda la velocità, deve essere commisurata all’età e allo stato fisico della persona.

Per riuscire ad ottenere buoni risultati si dovrebbe camminare per 30 minuti almeno 5 volte alla settimana. L’importante è indossare scarpe comode e uno zaino leggero o un marsupio per gli oggetti personali, in modo da mantenere la schiena in posizione corretta.

 

 

Come per tutti gli sport è meglio praticarli non a stomaco vuoto, ed è preferibile assumere un pasto leggero. L’idratazione è fondamentale e non solo quando fa caldo, è infatti necessario bere acqua a intervalli regolari mentre si svolge attività fisica in quanto si perdono molti liquidi. La raccomandazione è, quindi, di bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno.

Durante la stagione estiva è consigliabile praticare attività fisica alle prime ore del mattino, entro le 10.30, così da avere temperature non troppo calde; utilizzare sempre la protezione solare, anche in città, oltre agli occhiali da sole.

 

 

 

Rimettersi in forma: la camminata

Fisiatra S.C. Terapia del Dolore, Cure Palliative e Riabilitazione Istituto Nazionale dei Tumori di Milano

AnnaRita.DeVivo@istitutotumori.mi.it